Giovedì 23 marzo - Ultimo aggiornamento 16:39
Sei in: Home > Ambiente
AMBIENTE - TORINO
data articolo12 ottobre 2015

Cimitero Monumentale, lapidi rovinate in meno di dieci anni

Cimitero Monumentale, lapidi rovinate in meno di dieci anni

Il Vice Presidente Vicario del Consiglio Comunale Silvio Magliano denuncia l'incuria di molti loculi

Cimitero Monumentale, lapidi rovinate in meno di dieci anni
TORINO - Infiltrazioni che fanno sbriciolare o ingiallire il marmo nel giro di qualche anno. Muffe e polverizzazioni. Le tombe del principale cimitero cittadino sono sotto un costante attacco da parte dell'umidità. Il Vice Presidente Vicario del Consiglio Comunale, Silvio Magliano, ha denunciato le condizioni del Monumentale, prendendosela con l'Amministrazione civica, che fra i suoi compiti annovera anche quello di garantire i servizi cimiteriali. "I lavori di isolamento e coibentazione di diverse delle strutture in muratura che ospitano i loculi non sono stati eseguiti a regola d'arte, tanto che le infiltrazioni di umidità creano il precoce ingiallimento dei marmi e lo sbriciolamento degli stessi dopo una decina di anni appena dal loro posizionamento". Due perizie supportano l'accusa di incuria sollevata da Magliano, che ha riportato recentemente d'attualità il problema del Cimitero Monumentale: "al netto di tutte le doveose riflessioni etiche ed emotive (è inconcepibile che una città civile non sia in grado di mantenere in condizioni dignitose il luogo nel quale i propri cittadini conservano il ricordo dei loro cari) sul caso particolare, resta valido il principio generale: se la Città ha delegato a un proprio fornitore un lavoro e quel lavoro è stato eseguito in maniera non perfetta, il danno è duplice, dei cittadini e (se non altro in termini di immagine) della Città stessa".
commenta

torino.ogginotizie.it